Progettazione della Linea Vita

Un impianto anticaduta, spesso erroneamente chiamato col nome riduttivo di Linea Vita, è un sistema complesso, composto da diversi elementi la cui funzione è di impedire o arrestare la caduta dall’alto dell’operatore.
Tali elementi, per legge, devono essere conformi alle normative UNI EN 795:2012 e UNI 11578:2015.

Un idoneo impianto anticaduta, inoltre, richiede una corretta valutazione e un’attenta progettazione dell’accesso alla copertura, che deve possedere uno specifico dimensionamento, come indicato nell’ Art.9 (accesso alla copertura) del D.P.G.R. del 23 maggio 2016, n.6/R.

Ediliziainquota-Progettazione-InstallazioneAlla base di un’installazione ‘’a regola d’arte’’ vi è, dunque, una mirata progettazione, che richiede in primo luogo l’ispezione del sito dell’intervento al fine di realizzare i rilievi necessari e constatare la tipologia e lo stato di conservazione delle strutture.

Con i dati alla mano il progettista determina il tipo di D.P.I. (Dispositivi di Protezione Individuale) che dovranno essere utilizzati per la messa in sicurezza della copertura, nel rispetto della norma di riferimento UNI 11158:2015.
Infine, in base della scelta dei D.P.I. da impiegare, saranno selezionati gli opportuni elementi che andranno a comporre l’impianto anticaduta.

La progettazione dell’impianto deve seguire fedelmente le indicazioni presenti nelle normative in vigore, quali: D.P.G.R. del 23 maggio 2016, n.6R; UNI EN 795:2012; UNI EN 11560:2014.
DARDO Servizi in quota è in grado di offrire un intervento completo e pienamente conforme ad esse.

Al termine dell’installazione dell’impianto anticaduta è consegnato al cliente un Elaborato Tecnico della Copertura, contenete le relative istruzioni d’uso, certificazioni, piante, sezioni, conformi a quanto disposto dal D.P.G.R. del 23 Maggio 2016; alle quali, inoltre, è allegata una dettagliata documentazione fotografica.